PROGETTI R&S

 

 

Il progetto SITRAS (SIstema di Tracciabilità Agroalimentare per la Sardegna ) portato avanti dalla SEAWIND SpA in collaborazione con la POEMA srl nel quadro delle attività previste dal POR Sardegna 2000 – 2006 – Misura 3.13 “Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio” ha riguardato lo sviluppo e la sperimentazione di un prototipo di sistema di tracciabilità, realizzato mediante l’impiego di una piattaforma di acquisizione e gestione dei dati di tipo web-based e l’utilizzo della tecnologia RFID (Radio Frequency Identification).

La conservazione e la valorizzazione del patrimonio culturale della Regione Sardegna passa senz’altro anche attraverso la difesa e la promozione dei propri prodotti tipici, come i cibi e gli ingredienti che caratterizzano l’offerta gastronomica Regionale.

La tutela di questi prodotti può essere assicurata attraverso l’applicazione di tecnologie in grado di registrare e controllare la vita del prodotto, dalla nascita al consumo. Ciò è realizzabile attraverso un processo di tracciabilità che renda partecipi non soltanto gli attori istituzionali, quali i produttori, la piccola e grande distribuzione, la rete di ristorazione, ma anche il cliente finale, destinatario ultimo dell’attività produttiva. Attraverso la messa in linea di uno specifico sistema per la tracciabilità, la Regione ed altre istituzioni pubbliche, potranno creare aree a controllo di denominazione; i privati della Grande Distribuzione Organizzata (GDO) potranno verificare e promuovere i loro prodotti a marchio; il cliente finale potrà fruire di un’informativa dettagliata sia di ciò che compra presso un negozio o un supermercato, sia di ciò che consuma presso un ristorante.

L’architettura in rete di SITRAS si adatta perfettamente alle caratteristiche peculiari delle filiere agricole: pluralità di soggetti coinvolti, dispersione degli operatori sul territorio, tracciabilità delle trasformazioni agro-industriali della materia prima.

I software di rete impiegati in SITRAS permettono infatti il lavoro cooperativo tra i diversi soggetti che possono così condividere in tempo reale le informazioni sui soggetti e sui lotti archiviati in una base dati condivisa. L’interfaccia WEB è di grande utilità per tutti gli attori che non dispongono di propri sistemi informativi o possiedono sistemi chiusi non abilitati all’esportazione di dati verso altri ambienti, a questi operatori è fornita una interfaccia ergonomica in grado di gestire le normali operazioni di data manipulation integralmente via WEB.

Alla piattaforma saranno collegati i vari siti di trattamento di un determinato prodotto, attraverso dispositivi di Input-Output standard, quali PC, palmari, telefoni GSM/GPRS e terminali specializzati per l’interfacciamento dei componenti RFID applicati al prodotto.

La piattaforma prescelta per lo sviluppo di SITRAS è stata ETI.Net, un prodotto della Soc. ALTAVIA, da anni impegnata nello sviluppo di motori per applicazioni di controllo di filiera, fornito ed integrato dalla Soc. SWINTEL, azienda controllata del gruppo SEAWIND specializzata nell’acquisizione e realizzazione di software indirizzato al controllo di processo.

ETI.NET permette di integrare nel database server del sistema SITRAS, oltre alla tradizionale gestione dei dati di tracciabilità, un modellizzatore di filiera, cioè uno strumento visuale attraverso il quale è possibile disegnare una qualsiasi filiera agroindustriale con i suoi processi ed i materiali coinvolti .Questo modello di filiera è automaticamente implementato nella base dati e nelle interfacce WEB e quindi genera un sistema di tracciabilità dedicato a quella specifica filiera.

La piattaforma consentirà di descrivere in modo intuitivo il processo di trasformazione del prodotto, dalla ricezione della materia base al prodotto definitivo rilasciato al cliente finale. Le informazioni relative ad ogni stadio di lavorazione saranno introdotte nel sistema centrale (server) e nel componente identificativo RFID associato al lotto o al singolo prodotto.

L’architettura di SITRAS è di tipo aperto, configurabile ed espandibile. Sarà possibile gestire contemporaneamente più filiere di prodotto, attraverso la configurazione della base dei dati e la definizione dei vari stadi che costituiscono i diversi processi di produzione, associando ad ogni stadio del singolo processo la tipologia di informazioni da acquisire e trattare tramite RFID.

Le attività sono state portate avanti oltre che dal personale della SEAWIND dedicato al progetto e da collaboratori esterni, da 4 Ingegneri che sono stati assunti e dedicati a tempo pieno alle attività di SITRAS per più di in anno.

Il lavoro iniziale è stato quello di studiare il contesto agroalimentare sardo, le filiere presenti sul territorio e la loro adattabilità o meno all’implementazione del progetto. A questa fase di scelta e studio delle filiere ha partecipato anche l’Agenzia Regionale LAORE, è stata quindi scelta quale filiera su cui sperimentare SITRAS la Cooperativa Santa Margherita Terra & Sole di Pula che si occupa di produzione e vendita dei pomodorini da tavola.

Sono state individuate tre fasi principali, quella di conferimento, confezionamento e vendita.

Nella fase di conferimento inizia la tracciabilità semi-automatizzata del prodotto conferito presso lo stabilimento della Cooperativa. Il sistema infatti inizia ad inserire nel database le informazioni relative al prodotto conferito (quantità e tipologia del pomodoro) ed ai produttori conferenti (dati e serra di produzione), leggendole automaticamente tramite un varco RFID posto nella zona di pesatura, dai tag applicati alle casse utilizzate dagli agricoltori per conferire i loro pomodori nello stabilimento.

Sono state sviluppate e testate diverse tipologie di tag RFID che dovevano soddisfare le specifiche di facilità di montaggio, lettura anche in posizioni scomode e quello molto stringente di avere un basso costo che non influisse troppo sul prezzo finale delle confezioni di un prodotto con basso valore aggiunto qual è il pomodoro.

Nella fase di confezionamento vengono applicati dei tag RFID sulle scatole destinate alla vendita ed infine su un negozio di test è stata sperimentata la lettura del tag della confezione ed il recupero delle informazioni di tracciabilità da parte del cliente finale.

La scelta dell’hardware utilizzato (reader, antenne, Pc-Box, palmari, stampante….) è stata fatta dopo un’attenta analisi dei requisiti di ogni singola fase e dopo la verifica dell’ottimale integrazione dell’intero sistema.

Lo sviluppo dei moduli software è stato pianificato e portato avanti con l’obiettivo di rendere il sistema SITRAS il più stabile ed automatizzato possibile. Si è andati incontro alle richieste della Cooperativa e le applicazioni sono state sviluppate cercando di creare un’interfaccia il più semplice possibile per l’utilizzo da parte degli operatori.

I singoli moduli sono stati integrati ed è stato collaudato il funzionamento dell’intero sistema di rintracciabilità, partendo dal conferimento di una partita sino alla verifica della presenza dei suoi dati sulla piattaforma web.

Tutto il lavoro svolto è stato fatto attraverso continue interazioni con la Cooperativa, con i responsabili della piattaforma di tracciabilità e tra i componenti del team di lavoro della SEAWIND.

L’esperienza di SITRAS ha permesso alla POEMA di affacciarsi in un settore molto interessante e promettente in termini occupazionali e di fatturato. La tracciabilità delle filiere agro-alimentari è un problema molto sentito sia a livello Regionale che Nazionale ed Europeo e che oltre agli obblighi di legge, potrebbe consentire alle aziende che lo implementano un notevole valore aggiunto in termini di visibilità e garanzie di qualità per i propri clienti.

itenfrdeptrues

Free Joomla! template by L.THEME

Questo sito utilizza cookie tecnici allo scopo di permettere la corretta navigazione e cookie di profilazione di terze parti per l'invio di offerte pubblicitarie personalizzate. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.